Presenzia: il serpente del bosco

Lungo il tragitto per portare il giovane a curarsi verso Albero il carretto fa una sosta per permettere a Altair di andare a cercare della frutta sugli alberi della Foresta di Fuoco che circonda la Strada.

Arthur e Marte scendono dal carretto dopo che il cavallo sembra essersi spaventato per qualcosa; si dirigono verso il bosco quando sentono un rumore. Presenzia, un serpente parlante verde non troppo vistoso, è nascosta nei cespugli in cerca di una preda. Spaventati dalla vista del serpente cercano di colpirlo invano ma, nel frattempo, un’aquila arriva in picchiata e afferra il serpente. Dopo un veloce combattimento, Presenzia riesce a svincolarsi. Cade nel fiume e nuota fino a riva. Da lì, non è molta da percorrere sulla ghiaia per raggiungere i due uomini ancora fermi sul ciglio della strada.

Mentre Presenzia si avvicina rapidamente e con fare apparentemente minaccioso, Arthur, già messo a dura prova dalla ferita procuratasi durante la caduta dalla cascata viene colpito da una freccia dall’arcere misterioso e cade a terra, svenuto come al suo solito. Marte lo trascina energicamente al riparo, dietro il primo tronco disponibile mentre il cavallo di Giobby, impaurito da tutti questi movimenti di frecce e serpenti, parte via al galoppo portando via carretto e cocchiere.

Il serpente, sentendo l’odore del sangue si precipita verso Arthur mentre Marte cerca ancora di colpirlo invano e sfinito e terrorizzato si arrampica su un albero gridando come un ossesso “Scappa Arthur!!! Mettiti in salvo!”. Presenzia, invece di dimostrarsi aggressiva come sembra, cura le ferite di Arthur con una foglia e con la sua sputacchia che fa tanto schifo ad Arthur.

Infine, Marte cade maldestramente dall’albero a gambe all’aria. Presenzia saluta e si ritira in direzione della sua tana mentre Arthur guarisce a vista d’occhio. Marte ed Arthur si ritrovano, a metà della Strada, da soli e senza mezzo di trasporto ma, per fortuna, Arthur non ha più bisogno di cure urgenti.

Comments are closed.